Le differenze culturali nei siti web e negli e-commerce

Maschera etnica in legno

Le differenze culturali nei siti web e negli e-commerce

Per poter espandere il proprio business e raggiungere nuovi clienti internazionali online è fondamentale tenere in considerazione l’impatto che alcuni aspetti culturali possono avere sull’aspetto dei siti web.

 

Non è detto, infatti, che un sito web o una piattaforma di e-commerce progettati per uno specifico mercato possano essere facilmente adattati agli utenti di altri Paesi. Diversi studi hanno dimostrato che esistono delle vere e proprie preferenze culturali, che riguardano il design, i contenuti e la comunicazione relativi ai siti web.

Il sito web aziendale viene considerato ancora oggi il principale strumento attraverso il quale il brand cerca di mettersi in comunicazione con i consumatori per promuovere la propria visual identity.

I brand che mirano però a espandersi su scala globale devono fare i conti con la necessità di adattare il proprio sito web aziendale alla sensibilità̀ linguistica, culturale ed estetica degli utenti locali. Un sito web di successo può risultare facilmente comprensibile a diversi target culturali solo grazie a un’efficace attività̀ di localizzazione.

  1. Le dimensioni culturali di Hofstede
  2. Le difference culturali nei siti web
  3. Colori ed emozioni
  4. Le immagini
  5. Distanza dal potere
  6. Individualismo e collettivismo
  7. Mascolinità e femminilità
  8. Orientamento al futuro

 

Le dimensioni culturali di Hofstede

 

L’antropologo Geert Hofstede ha definito sei dimensioni attraverso le quali poter descrivere le singole culture nazionali e poterne comprendere meglio le sfaccettature:

  • distanza dal potere (power distance)
  • individualismo/collettivismo (individualism/collectivism)
  • mascolinità/femminilità (masculinity/femminility)
  • avversione all’incertezza (uncertainty avoidance)
  • orientamento al futuro (long-/short- term orientation)
  • indulgenza/moderazione (indulgence/restraint)

 

Diversi studi sostengono che esista una correlazione tra la prevalenza di una di queste dimensioni all’interno di un contesto culturale e alcune specifiche preferenze associate ai siti web.

Quindi, come si può adattare un sito web a diversi contesti culturali? La traduzione dei contenuti testuali può essere sicuramente un buon approccio, ma non è detto che sia sufficiente. In molti casi, per riuscire ad attirare l’interesse degli utenti potrebbe essere necessario adattare il proprio sito web allo stile grafico e contenutistico locale.

Le differenze culturali nei siti web

 

Facciamo qualche esempio pratico per comprendere meglio quali differenze culturali si possono riscontrare sui siti web e sulle piattaforme internazionali di e-commerce. Il colore, per esempio, è considerato un elemento importante dell’identità visiva di un brand, perché è in grado di rendere un marchio immediatamente riconoscibile e di suscitare nei consumatori diverse emozioni.

Colori ed emozioni

 

Lo stesso colore può però assumere, a seconda del contesto culturale, un valore completamente diverso. Il colore bianco, che viene in molte culture associato alla purezza, in altre è invece correlato alla morte. L’arancione, a seconda del contesto di riferimento, può invece essere associato all’entusiasmo, così come alla sacralità. Una “nota di colore” interessante: è stato dimostrato che in Germania il color argento stimola le conversioni più del colore verde.

Le immagini

 

La scelta delle immagini, così come molti altri fattori, può essere correlata a certe preferenze culturali. I Paesi più collettivisti, per esempio, preferiscono visualizzare sui siti web immagini di gruppo. Quelli più individualisti, al contrario, tendono a preferire le immagini individuali e altamente personalizzate.

Distanza dal potere

 

Gli utenti che appartengono a culture associate a un alto livello di distanza dal potere tendono a preferiti siti web che presentano testi chiari e trasparenti e informazioni facili da reperire. Mentre, al contrario, quelli appartenenti a culture con un basso livello di distanza dal potere preferiscono siti interattivi e altamente coinvolgenti.

Individualismo e collettivismo

 

Gli utenti che appartengono a Paesi dal forte individualismo sembrano non apprezzare troppo la condivisione di informazioni personali nei form di contatto. Al contrario apprezzano però le forme di ricompensa, come sconti e premi fedeltà dopo ripetuti acquisti o dopo l’iscrizione a un form.

Gli utenti provenienti da Paesi fortemente collettivisti amano invece poter consultare le recensioni di altri consumatori e condividere sui canali social la propria esperienza di acquisto.

Mascolinità e femminilità

 

Gli utenti associati a Paesi più “mascolini” tendono a preferire siti web ricchi di descrizioni e di informazioni tecniche precise e puntuali. In questo caso sarà importante mettere a disposizione dei consumatori una sezione dedicata alla ricerca delle informazioni all’interno del sito e strutturare i testi in modo chiaro.

Gli utenti associati invece ai Paesi più “femminili” preferiscono contenuti di tipo emozionale e si dimostrano più aperti al confronto e ai commenti. In questo caso è quindi consigliabile sfruttare il potere dello storytelling aziendale e dedicare ampio spazio alle opinioni dei clienti.

Orientamento al futuro

 

I consumatori che rientrano in contesti culturali associati a un orientamento verso il futuro amano valutare senza fretta. Per questo apprezzano, per esempio, tutti gli strumenti che permettono di salvare prodotti e informazioni per un secondo momento, ad esempio in una wishlist.

I consumatori orientati verso il presente, al contrario, tendono a preferire le decisioni rapide e rischiose. Per questo preferiscono grandi pulsanti di Call-To-Action che spingono all’acquisto in modo più deciso.

In conclusione

 

Il contesto delle differenze culturali nei siti web è davvero molto vasto e interessante. Sul tema esistono diversi studi e varie correnti di pensiero, ma resta il fatto che riuscire a comprendere i gusti e le preferenze del proprio target culturale può essere un vero e proprio vantaggio sul mercato.

Volete conoscere nel dettaglio il mondo della localizzazione? Vi interessa l’argomento e vorreste approfondire? Non esitate a contattarci, vi forniremo tutto il supporto di cui avete bisogno.

 

Creative Words
creativewords@stats.dpsonline.it


Post correlati

HAI DELLE DOMANDE? ABBIAMO LE RISPOSTE!

Creative Words, servizi di traduzione, Genova